"Co' Masetti ch'è primo portiere..."

Guido Masetti nella stagione 1932/33

Guido Masetti nasce a Verona il 22 novembre 1907. Inizia la carriera calcistica nella squadra della sua città natale, l'Hellas Verona, giocando inizialmente come centrocampista e poi come portiere. Per un anno interruppe la carriera agonistica giocando a livelli non professionali con la squadra, da lui stesso fondata, dei "liberi": il Cavour.

Nel 1930 si presenta a Testaccio dove la Roma oltre a giocare si allena, è stato chiamato per un provino. Viene accolto da Zi Checco (il famoso custode di Campo Testaccio) che gli diede un maglione a collo alto bordato di giallo ocre e rosso pomeiano ed un paio di scarpe 3 numeri più grandi: era pronto per farsi mirare.

Guido MasettiLa prova avvenne in allenamento, Masetti difese la porta delle riserve mentre il portiere dei titolari era Pallotta. Per la cronaca fù 1-2 il finale. Dopo l'incontro l'allenatore giallorosso Burgess provò Masetti direttamente contro gli attaccanti giallorossi. Per mezz'ora ricevette decine di tiri fino a non poterne più. Ma il provino era ormai sufficente e poteva bastare. Seppur non avesse esaltato, Guido Masetti l'anno successivo fu integrato in rosa e da allora giocò ben quattordici campionati in maglia romanista collezionando 339 presenze e guadagnandosi l'appellativo er saracinesca. Esordisce il 28 settembre 1930 in Modena-Roma 1-1. Si espresse subito ad altissimi livelli tanto che partecipò ai due mondiali vinti dall'Italia del '34 e del '38. Purtoppo non trovò spazio ma perchè davanti aveva due fuoriclasse come Combi ed Olivieri.

"L'affetto della folla romanista è stato per me il maggior conforto della mia carriera. Esso mi ha sostenuto sempre, mi ha spronato a prodigare ogni mia forza per la grandezza dell'A.S.Roma. Ho la più profonda gratitudine per gli sportivi della Capitale" - Guido Masetti

Guido Masetti in Nazionale Guido Masetti allenatore della Roma

Masetti con la maglia della Nazionale Italiana ed in giacca, elagantissimo, tecnico della Roma.

Masetti era dotato di un carattere estremamente allegro ed esuberante, dai compagni di squadra era molto ben considerato e presto divenne il capitano dei giallorossi.
Armato di ginocchiere e calzoncini imbottiti (il Testaccio era duro...) nella stagione 1941/42 si toglie la soddisfazione di vincere il campionato con la Roma. Nel 1943 intraprende la carriera di tecnico, inizialmente come allenatore-giocatore. Siede sulla panchina giallorossa nel periodo della guerra, dal 1943 al 1945. Poi ritorna nello sfortunato campionato della retrocessione, quando neanche la sua passione e la sua professionalità riescono a salvare la Roma dalla serie B. Infine nel 1956/57, dalla trentesima giornata di campionato, subentra all'esonerato Gyorgy Sarosi e guida la squadra giallorossa per la terza ed ultima volta.

Caricatura di Guido Masetti, portiere dell'A.S.Roma

Guido Masetti in uscita. Clicca per ingrandire.

Carriera con la Roma

StagionePresenze
1930/3132
1931/3233
1932/3334
1933/3434
1934/3529
1935/3630
1936/3721
1937/3821
1938/3924
1939/4024
1940/4115
1941/4229
1942/4313




Masetti in un intervento aereo nella stagione 1934/35 e sempre il portierone in un incontro della stagione 1938/39.

Guido Masetti con la maglia della Nazionale.

Guido Masetti in uscita nell'incontro tra Italia e Svizzera.

La Roma su Campo Testaccio nel campionato 1931/32

La Roma su Campo Testaccio nel campionato 1931/32, in testa Masetti