Er Tifoso

di Franco Califano

Canzone di Franco Califano, uscita nel 1992 all'interno dell'album 'Califano in concerto dal Blue Moon'.

"Er Tifoso è dedicato a tutti i tifosi e siccome sono romano e parlo romano non potevo che farlo in dialetto romanesco. Per questo ho dovuto scegliere una squadra di Roma, tutto qui. Ma quello che dico fingendomi romanista lo dico per tutti i tifosi"

E’ venerdì comincia la mia attesa sempre così quanno giocamo in casa fino a domenica so’ come ‘n omo in coma me po’ resuscità solo la Roma.

‘Sti giorni nun me va’ de pensa’ a gnente sparisco da ‘sto mondo co’ la mente.

A casa mia lo sanno e stanno boni
nessuno ma da’ rompe li cojoni.

Quanno era mi fijo ebbe la scarlattina
io l’ho saputo lunedì mattina
nessuno s’è azzardato a dillo prima.

Divento ‘n animale nun lo nego
Mi moje c’ha la febbre? Io me ne frego.

Se sa che vojo sta’ pe’ conto mio
‘sti giorni nun c’ho moje e nun c’ho fijo...

Lei nun sta bene? Er pupo c’ha la bua?
A lei je passa, ar pupo? Cazzi sua!

Mi moje e brava nun me da mai torto
gioca da sola a carte ‘nzieme ar morto.

Ma er sabato alla sera ‘n capo al letto
ce mette sempre un nastro giallo rosso
poi co’ Venditti e Grazie Roma ha fatto
e ‘n du’ minuti me la trovo sotto.

Vo’ fa’ l’amore, sa che ‘n c’è problema
me fa’ eccità parlanno della Roma.

E quanto è boia quanno se mette addosso
quer tanga mezzo giallo e mezzo rosso
je faccio ‘na discesa fra le tette
e je lo vado a buttà sotto ar sette.

Mentre me bolle er sangue nelle vene
me dice: amore voi la formazione?
“Nun me la da’ Nun vedi so’ distrutto
la formazione no, che spacco tutto!”

Invece lei comincia dar portiere
poi me sussurra er nome dei terzini...
nun ce se crede quanto me conosce
quanno che ariva all’ala, apre le cosce...

Poi la mezz’ala e quanno vie’ la punta
io strillo: gooool... mentre lei se lamenta...
poi dice: adesso fatti un riposino
mentre alla porta bussa er ragazzino:
“che c’è papà, qui s’è sentito ‘n botto...
hanno segnato? Er gol, ma chi l’ha fatto?”
“La Roma... chi l’ha fatto... torna a letto”
“Perché nun m’hai portato alla partita?”
“Perché l’hanno giocata anticipata...”
“E mamma come sta? S’è in fortunata?
Se lamentava... ma che s’è stirata?”
“Me sa de si... j’ho fatto ‘n brutto fallo
me so’ beccato er cartellino giallo!”

Devo dormi’, prima porto la testa
dove stanno in ritiro i giocatori
dopo domani sera, grande festa
l’Europa sarà nostra... l’artri fori...

Ma manco chiudo l’occhi lei se sveja
e co’ la mano cerca, trova e pija
e ricomincia ar volo: Grazie Roma...
“Ma te ne vai a fa’ ‘n culo... che sei scema?
ce so’ le lamentele der palazzo
qui l’inquilini se so’ rotti er cazzo
de grazie Roma e della formazione
la gente dorme, nun je sta più bene
dormo pur’io ‘sta mano te la stacco
e co’ quer tanga ‘n giorno te ce ‘mpicco,
adesso me necessita un riposo
ma lo volemo rispetta’ er tifoso?

Poi dice: la violenza negli stadi
ma quella de tu’ moje, come a vedi?”
Domani al mio ritorno che amo vinto
pe’ festeggia’ ve porto ar ristorante
poi ‘n brindisi alla magica che ha spinto
sull’acceleratore, finalmente.
E da domani er monno è giallo rosso,
sto a pijà sonno, vedo l’uefa a ‘n passo...
ale’ oh... oh...
ale’ oh... oh...
ale’ oh... oh... oh...

Dopo la partita

Nun ce l’hai fatta... Roma te ringrazio
fortuna che ha beccato anche la Lazio...
come hai giocato oggi Roma bella
perdevi pure contro er don Guanella.
Sur campo nun ce se capiva gnente...
quello straniero novo, se è ‘n tornante
deve fa’ si er tornante, ma ‘n privato
deve tornante da dov ‘è arivato!!

Ce manca a ogni settore ‘n elemento
se no, chi lo fa più l’abbonamento.

Vivemo ancora a ricordà Farcao
quello era ‘n gatto che faceva miao
semo rimasti co’ la testa ‘n cielo
co’ l’artri che ce pijano per culo.

Arivo a casa dopo la sconfitta
mi moje è sulla porta che m’aspetta:
“Sta su se no sta male anche tu fijo
nun ce penzà ar mangià cucino io.”

E a passo lento se ne va ‘n cucina
è così dorce che me fa ‘n po’ pena
“Aoh, vie’ qua’, ma come te vie’ ‘n mente?

Preparate che annamo ar ristorante.

La Roma ha perso; ‘mbe’ che è corpa tua?!
e io nella vita ‘n posso cambia’ idea.
Avevo detto: solo se vincemo?
E noi c’annamo pure si perdemo.

Pensavo: nun po’perde... è troppo forte
pensavo: è decisiva, Europa o morte
pensavo a tante cose che nun dico.

Ma ce l’avrà li sordi Ciarrapico?

Franco Califano

"Se fossi stato romanista sarebbe stata tutta un’altra storia, forse avrei avuto un successo doppio: bastava fingere un po’, sforzarmi di cambiare, essere ruffiano. Invece per molti amici, e per gli stessi romanisti, ho fatto bene a restare com’ero, apprezzano la mia lealtà."

Video della poesia di Franco Califan "Er Tifoso"

Ultima modifica di questa pagina: 27/02/2016

26 giugno...1927, Italo Foschi annuncia che la Roma a partire dal '29 giocherà a campo Testaccio. Nel frattempo lo stadio sarà il Motovelodromo Appio, a quattro chilometri di distanza dal capolinea dei mezzi pubblici di Porta San Giovanni. 1932, La Roma becca 3 gol dalla Lazio in amichevole. 1952, Il conte Romolo Vaselli diventa il nuovo presidente della Roma. 1955, Coppa Europa Centrale, quarti d'andata a Novi Sad, Vojvodina-Roma 4-1. Gol giallorosso di Nyers. 1984, Finale di ritorno di Coppa Italia, Roma-Verona 1-0 autorete di Ferroni.Clicca qui per andare alla pagina.

Avvenimenti della storia della Roma Tutti gli avvenimenti di giugno nella storia della Roma.

Il quiz della Roma

ASR Talenti, sito dedicato alla Roma. Torna su - Mappa del sito - Privacy policy - Condividi