11 dicembre... 1927, La Roma sfiora la vittoria a Milano contro l'Internazionale. Una doppietta di Bussich e la rete di Fasanelli vengono alla fine pareggiate dai nerazzuri. Il gol finale del 3-3 viene segnato nei minuti di recupero.

Avvenimenti della storia della Roma Tutti gli avvenimenti di dicembre nella storia della Roma.

Il quiz della Roma

Marco Delvecchio rappresenta come un giocatore, nella piazza romana, può passare dai fischi agli applausi. Approda in giallorosso giovanissimo, a soli 22 anni, nella stagione 1995/96. Arriva dall'Inter che per la metà del suo cartellino si prende in cambio Marco Branca. S'inserisce al meglio nell'ultima Roma mazzoniana scendendo in campo 24 volte e segnando ben 10 reti. Nel finale di stagione, con Balbo e Fonseca ai box, si esalta in attacco insieme al giovanissimo Francesco Totti. In estate il presidente Sensi acquista la seconda metà del suo cartellino per 7 miliardi. La stagione successiva, nel disastroso campionato con Carlos Bianchi alla guida della Roma, gioca 27 partite e segna 4 gol.

La Roma in quegli anni è alla ricerca di un bomber vero, si sente la mancanza di un Balbo, di un Voeller. Delvecchio scontenta la piazza perchè ricorda neanche lontanamente quei centravanti. In estate è lui stesso ad offrirsi come pedina di scambio per Trezeguet, allora al Monaco. Ma l'affare non va in porto, Delvecchio rimane alla Roma e le punte che arrivano, Bartelt e Fabio Junior, non gli tolgono il posto da titolare.
La contestazione verso il giocatore è dura, il rapporto non si ristabilirà neanche dopo le 18 reti del campionato 1898/99. In quel campionato Marco Delvecchio inizia ad esultare mostrando le orecchie verso la tifoseria, vuole sentire l'esultanza ai suoi gol, i boati della gente romanista. D'un tratto però Delvecchio comincia a segnare a tutti i derby. E d'un tratto diventa un'icona romanista quando supera il record di Dino Da Costa nel totale di reti nelle stracittadine. Saranno ben 9 quelle segnate da Marco Delvecchio alla Lazio!
Nel 1999 finalmente il centravanti tanto aspettato arriva, si chiama Vincenzo Montella. Il reparto offensivo giallorosso guadagna punti, Delvecchio non è più al centro delle polemiche. Nella stagione 2000/2001, con l'arrivo anche di Gabriel Batistuta, il neo-allenatore Capello trova per Delvecchio un'ottima sistemazione sulla sinistra facendolo diventare uno dei protagonisti del terzo scudetto. Delvecchio rimane alla Roma fino al gennaio della stagione 2004/2005, quando si trasferisce al Brescia.




Marco Delvecchio campione d'Italia con la Roma nel 2001


2001/2002, il gol di Delvecchio del 2-0 nel derby d'andata.

2002/2003, dopo il gol dell'1-0 nel derby d'andata (2-2)

Francesco Totti e Marco Delvecchio

ASR Talenti, sito dedicato alla Roma. Torna su - Mappa del sito - Privacy policy - Condividi