Stadio Flaminio

Stadio Flaminio

La Roma si sposta allo Stadio Flaminio, all'epoca Stadio del Partito Nazional Fascista, nella stagione 1940/41. Gioca le partite casalinghe in quest'impianto fino alla costruzione dell'Olimpico, nel 1953. Dopo la guerra la stadio prende in nome di Stadio Nazionale, poi viene intitolato alle vittime di Superga e chiamato informalmente Stadio Torino.

Nel 1957, quando il trasferimento delle due squadre romane all'Olimpico è già avvenuto, lo Stadio viene ristrutturato e prende il nome attuale di Flaminio. La capienza dell'impianto viene ridotta di circa 20000 posti. La Roma tornerà a giocare i suoi incontri casalinghi al Flaminio nel 1989/90, durante il periodo di ristrutturazione dell'Olimpico per via dei Mondiali di Calcio di Italia 90.

Roma, lo Stadio Nazionale e accanto lo Stadio della Rondinella ed il campo Apolloro. Sulla sinistra l'Ippodromo Villa Glori.

Lo Stadio Nazionale e accanto lo Stadio della Rondinella ed il campo Apolloro. Sulla sinistra l'Ippodromo Villa Glori

Sciarpata dei romanisti allo Stadio Flaminio.


Ciao, se vuoi metterti in contatto con la redazione del sito o aggiungere il tuo contributo in questa pagina puoi riempire il modulo di contatto qui sotto ed inviarci il tuo messaggio. Grazie.


 

Ultima modifica di questa pagina: 15/04/2018