Geza Kertesz

Lo "Schindler di Catania"

Geza KarteszGeza Kartesz, tecnico ungherese nato a Budapest il 21 novembre 1894, subentra ad Alfred Schaffer nel dicembre 1942. La sua prima gara ufficiale è la nona giornata del campionato 1942/43.

L'allenatore magiaro ha tra le mani la Roma campione d'Italia e vorrebbe imporre il suo credo, il "Sistema", una tattica innovativa che prendeva piede in quegli anni. Purtroppo i risultati gli danno torto, i calciatori romanisti sono troppo abituati al "metodo" e la squadra giallorossa a fine campionato arriva solamente undicesima.

Il presidente Bazzini non conferma Kertesz sulla panchina romanista e lo sostituisce con Guido Masetti, che nel campionato appena concluso aveva appeso i guantoni al chiodo.

Dopo vent'anni sulle panchine di tante squadre italiane (Spezia, Salernitana, Catania, Atalanta e Lazio tra le altre), Geza Kertesz chiude la sua carriera da allenatore in patria, con l'Ujpest, nel 1944.

Carriera alla Roma

StagionePartiteVintePareggiatePerse
1942/43219012

Geza Kertsez
Geza Kertesz

In quel periodo, Kertesz scelse di costituire con l'ex compagno di squadra Toth un'organizzazione resistenziale che salvò la vita a decine di ebrei e partigiani ungheresi. A causa di queste attività nel dicembre 1944 fu arrestato ed il 6 febbraio 1945, qualche giorno prima della liberazione della capitale, fu ucciso fucilato nell'atrio del Palazzo Reale di Buda, sempre assieme al compagno Toth.

Per queste sue gesta eroiche e da partigiano, Geza Kertesz viene ricordato come lo "Schindler di Catania".

Geza Kartesz, allenatore della Roma nel campionato 1942/43

Geza Kartesz, allenatore della Roma nel campionato 1942/43.

ADS

ADS