I rioni di Roma

I Monti, II Trevi, III Colonna, IV Campo Marzio, V Ponte, VI Parione, VII Regola, VIII S.Eustacchio, IX Pigna, X Campitelli, XI S.Angelo, XII Ripa, XIII Trastevere, XIV Borgo, XV Esquilino, XVI Ludovisi, XVII Sallustiano, XVIII Castro Pretorio, XIX Celio, XX Testaccio, XXI S.Saba, XXII Prati

Ai tempi di Romolo c’erano solo tre tribu’: Ramnense, Taziense, Lucera ( 753 a.C.), poi il re Servio Tullio la divise in 4 zone: Suburbana, Esquilina, Collina, Palatina ( 535 a.C.), e durante l’ impero Ottaviano Augusto la suddivise in 14 regiones ( da cui deriva rioni) circa 2000 anni fa, governati da prefetti e pretori, un po’ come le attuali circoscrizioni. Nel 1144 nel nuovo ordinamento comunale i rioni erano 12 con l’ esclusione dell’ isola Tiberina e la zona di Trastevere ( trans Tiberim) aggiunta agli inizi del 1300, e Borgo nel 1586. Alla guida di ogni quartiere c’era un senatore detto Bandarese, dalla bandiera che portava in occasioni ufficiali nella giurisdizione di competenza. Il ritorno di Gregorio XI da Avignone 1376- fu salutato da una lunga e splendida processione da S. Paolo al Vaticano, a cui parteciparono ordini cittadini, del baronaggio,della corte, dei cento e cento istrioni, milizie urbane, mentre i paggi dei caporioni che erano a cavallo, portavano le tredici bandiere regionali (da Monti a Trastevere) al rullar di potenti tamburi. Successivamente fino al 1751 c’ erano i Caporioni scelti dalla nobiltà, il cui Priore dei Caporioni stava nel maggiore e nel primo dei rioni: Monti. Ma i veri e propri rioni nascono il 18 maggio 1743 con il chirografo di Papa Benedetto XIV Lambertini, mediante l’ apposizione di 220 targhe di marmo, apposte nel 1744, che delimitano come ancor oggi, i territori di ciascun rione. Pio VII, nel 1800, li sostituì con i Presidenti Regionali. Nel 1874 da Monti, zona caratterizzata da piccole alture, circondata in gran parte dalle mura repubblicane, dove vi furono le prime case del nucleo più antico della città, la Valle della Suburra, ( sub urbe, cioè sotto la città costruita sui colli), venne staccato l’ Esquilino. Nel 1921 la giunta comunale decise di passare da 14 ai 22 di oggi.

(dal sito salvaroma.it)

Ultima modifica di questa pagina: 30/12/2015

Pagine correlate

23 settembre... 1928, Amichevole Roma-Fiumana 0-0. 1978, Nell'amichevole Italia-Turchia a Firenze esordisce in Nazionale Roberto Pruzzo subentrando al 46' a Graziani. Tra i pali il portiere della Roma Paolo Conti. 1990, Terza di campionato, Roma-Bari 1-0. Segna Carnevale che a fine gara viene sottoposto al controllo antidoping assieme al portiere Peruzzi. Di li a poco entrambe verranno squalificati. 2012, Cagliari-Roma, in programma al nuovo stadio dei sardi Is Arenas, viene rinviata per ordine pubblico. Il presidente Cellino aveva invitato gli spettatori ad andare allo Stadio nonostante la chiusura dell'impianto previsto dal Prefetto. La partita non si gioca ma la decisione se o meno assegnare la vittoria a tavolino alla Roma è rimandata al giorno successivo.

Avvenimenti della storia della Roma Tutti gli avvenimenti di settembre nella storia della Roma.

Il quiz della Roma

ASR Talenti, sito dedicato alla Roma. Torna su - Mappa del sito - Privacy policy - Condividi