20 gennaio... 1991, Si gioca Roma-Pisa ma tutto lo stadio è scosso per la morte del presidente Viola. Finisce 0-2 con i tifosi che cantano a squarciagola per 90 minuti Dino-Dino Viola-alè... La Sud espone degli striscioni stupendi, uno dei quali recita: 'Roma, dai 7 colli, tramanderà la storia di un uomo che, da solo, le ha dato tanta gloria!! Ci hai lasciato un vuoto incolmabile. Addio Caro Presidente.'

Avvenimenti della storia della Roma Tutti gli avvenimenti di gennaio nella storia della Roma.

Il quiz della Roma

Franco Cordova

Biografia di Franco Cordova

Franco Cordova, detto Ciccio nasce a Forlì, da famiglia napoletana, il 21 giugno 1944. Cresce calcisticamente nel Flegrea, compagine in seguito confluita nell'Internapoli, e nel campionato 1962/63 si trasferisce alla Salernitana, che in quella stagione milita in serie C. Con i granata il giovane Cordova ha modo di mettersi in mostra e l'anno successivo viene acquistato dal Catania, con cui esordisce in serie A.

Dopo due buone stagioni in Sicilia, dove comunque gioca solo 10 gare, viene ingaggiato dall'Inter di Herrera. In neroazzurro gioca solo una gara ma festeggia con i compagni la vittoria dello scudetto e dell'Intercontinentale del 1965. L'anno successivo viene ceduto in prestito al Brescia dove finalmente gioca con continuità, collezionando 25 presenze.

Cordova alla Roma

Nell'estate 1967 Cordova si trasferisce alla Roma del presidente Alvaro Marchini. A Roma trova la sua dimensione ideale, diventa un leader della squadra giallorossa dove ritrova il tecnico Helenio Herrera. Nel 1970 si sposa con Simona Marchini, figlia del presidente della Roma.

Nel 1968/69 alza al cielo la seconda Coppa Italia vinta dalla Roma, il suo primo trofeo in giallorosso. Tre anni dopo festeggia da capitano la conquista del trofeo Anglo Italiano. In totale gioca 212 partite di serie A con la Roma, molte con la fascia di capitano al braccio. Va a segno in 9 occasioni. Va via dalla Roma nel 1976, quando dopo il mancato trasferimento al Verona passa clamorosamente alla Lazio. Gioca in biancoblu tre stagioni, disputate quasi interamente da titolare (85 presenze e 2 gol), ma con il cuore resta legato ai colori giallorossi.

Chiude la carriera nel 1980 all'Avellino, a seguito della squalifica di un anno inflittagli per il suo coinvolgimento nello scandalo del calcioscommesse.

Franco Cordova alza il trofeo Anglo Italiano

Franco Cordova alza il trofeo Anglo Italiano.

Franco Cordova

Cordova capitano della Roma.

Franco Cordova

Un primo piano dell'attaccante Franco Cordova in Nazionale.

Gol di Franco Cordova a Perugia

Gol di Franco Cordova a Perugia.

Cordova alza il trofeo Anglo Italiano

Cordova alza il trofeo Anglo Italiano

ASR Talenti, sito dedicato alla Roma. Torna su - Mappa del sito - Privacy policy - Condividi