21 ottobre... 1928, 4-0 al Prato nella quarta di campionato, segna 3 volte Chini poi Volk. 1962, Sesta di campionato,a Ferrara Spal-Roma 3-0.Durante l'incontro si infortunano Menichelli ed il portiere Cudicini, tra i pali va l'attaccante Lojacono.

Avvenimenti della storia della Roma Tutti gli avvenimenti di ottobre nella storia della Roma.

Il quiz della Roma

Fulvio Bernardini

Fulvio BernardiniFulvio Bernardini nasce a Roma il primo gennaio del 1906. Ruolo in campo centromediano conta 286 (altre fonti dicono 303, altre 284) presenze e 47 reti con la Roma. Inizia la carriera calcistica nel 1919 nella Lazio. Inizialmente portiere si trasforma in un ottimo centromediano, mettendosi in luce a tal punto da spingere i dirigenti dell'Inter ad acquistarlo.
Gioca per due anni a Milano insieme al talentuoso Meazza, poi nell'estate del 1928 torna nella Capitale, stavolta in forza alla neonata Roma.

Fulvio BernardiniFulvio Bernardini guida la Roma dall'alto del suo carisma e di un ruolo che all'epoca era l'autentico cardine della manovra, quello appunto del centromediano.
La sua bravura e intelligenza tattica, paradossalmente, lo mette fuori dal giro della Nazionale di Pozzo il quale gli preferisce mediani più ruvidi, come il suo grande amico Attilio Feraris. Tuttavia in carriera colleziona 26 presenze e 3 reti in Nazionale.
Con la Roma lotta per uno scudetto, nel periodo romanista a Campo Testaccio si prende grandi soddisfazioni essendo il capitano e il punto di riferimento della squadra e del caloroso pubblico.

Campionati di FULVIO BERNARDINI nella ROMA

26 PRESENZE
10 GOL
24 PRESENZE
11 GOL
30 PRESENZE
7 GOL
29 PRESENZE
7 GOL
33 PRESENZE
2 GOL
16 PRESENZE
3 GOL
27 PRESENZE
3 GOL
30 PRESENZE
1 GOL
30 PRESENZE
1 GOL
23 PRESENZE
0 GOL
18 PRESENZE
0 GOL
11 STAGIONI
286 PRESENZE
45 GOL

Insieme ad Attilio Ferraris, Fulvio Bernardini è l'anima della Roma di Testaccio. La coincidenza vuole che pochi mesi dopo il suo addio alla Roma, anche l'impianto di Campo Testaccio viene abbandonato. E' la fine di un'epoca.

Nel campionato 1949/50 "Fuffo" Bernardini torna in giallorosso, stavolta nelle vesti di allenatore. Purtroppo sono anni bui per la Roma ed anche un grande personaggio come lui viene esonerato. Qualche anno dopo Bernardini vincerà lo scudetto alla guida della Fiorentina e del Bologna. Dopo i mondiali del 1974 diventa allenatore della Nazionale.

Cervello calcistico superiore, vedeva il gioco come nessuno. Venne soprannominato "Fuffo" ma anche "Professore" perchè laureato in scienze economiche.
Ambosinistro, giocoliere della palla che trattava con tocco vellutato, preciso nel colpo di testa, egli ha fatto del calcio un'arte che disdegna il colpo duro, la falciata, lo scontro con l'avversario.

Bernardini capitano guida la Roma a Campo Testaccio

Al Campo Testaccio scende in campo l'A.S.Roma, alla guida capitan Fulvio Bernardini.

Bernardini, sotto gli occhi di Sacerdoti, riceve una medaglia al caffé Bizzi da un tifoso romanista CAMPIONATO 1928/29, L'ARRIVO DI FUFFO BERNARDINI ALLA ROMA

"... Il presidente Renato Sacerdoti era alto di statura di statura, dunque imponente, incline ai modi signorili, ivi compresa la erre moscia, dunque vanitoso; ebreo quindi con spiccato senso degli affari. E la sua prima mossa fu ciclopica: riportò Fulvio Bernardini a Roma. "Fuffo" fu accolto nella capitale da manifestazioni addirittura commoventi, fù designato capitano della squadra su richiesta dello stesso Attilio Ferraris (la storia riporta queste parole del giocatore di Borgo Pio "A Fù, tu sei er mejo: er capitano fallo tu. E poi, a me, me rompe pure li cojoni"... ).

Nella foto Bernardini, sotto gli occhi del presidente della Roma Renato Sacerdoti, riceve una medaglia al caffé Bizzi da un tifoso romanista.

Stagione 1929/30, una formazione dell'A.S.Roma 1929/30
Stagione 1933/34, Roma-Lazio 5-0

Fulvio Bernardini capitano della Roma, nel primo campionato italiano a girone unico. Nella foto è il secondo in piedi da sinistra. Sotto nella stagione 1933/34 quando realizza una doppietta nel derby che la Roma vince 5-0. Nella foto è il penultimo in basso da destra.

Fulvio Bernardini si sottopone alle cure di Angelo Cerretti

Fulvio Bernardini si sottopone alle cure di Angelo Cerretti

Nella foto qui sotto: i capitani della Roma e dell'Internazionale, Fulvio Bernardini e Giuseppe Meazza abbracciati in campo e Bernardini allenatore della Roma insieme all'attaccante argentino Bruno Pesaola.

Fulvio Bernardini e Giuseppe Meazza Fulvio Bernardini allenatore della Roma

Fulvio Bernardini insieme ai tifosi nella stagione 1934/35

ASR Talenti, sito dedicato alla Roma. Torna su - Mappa del sito - Privacy policy - Condividi